section-adcc9e4
https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2022/08/DSC_1366-cmp-rid-2560x1709.jpg
section-9b30d52

Un cimitero da vivere

Progetto sostenuto da Creative Living Lab - Edizione 5, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura

https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2023/11/Logo-DGCC-2021_blu-1865x460.png
https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2023/11/Logo-CLL-263x168.png
section-2b9b5cb

L'obiettivo. CombinAzioni è promotrice di un progetto partecipato di rigenerazione urbana del vecchio cimitero di Santa Maria in Colle a Montebelluna, con l’obiettivo di rafforzare il senso di identità e appartenenza al luogo attraverso la creatività contemporanea e attivare percorsi di trasformazione artistica, culturale e sociale.

Le premesse. L’impegno dell’associazione CombinAzioni nella valorizzazione dell’ex-camposanto di Montebelluna parte nel 2017: durante la terza edizione di CombinAzioni festival si attivano una ricerca e una mostra sui luoghi in disuso nel territorio, che porta attenzione agli “spazi indecisi”. Il vecchio cimitero di Santa Maria in Colle, luogo magico e scrigno di memorie della città, allora davvero abbandonato, attrae l’attenzione dell’Associazione e di numerosi cittadini. Da allora diverse azioni di cura e rigenerazione del luogo sono state realizzate da CombinAzioni, tra cui attività di pulizia e manutenzione, visite guidate sulla storia del luogo e gli annuali concerti all’alba che hanno trasformato il sito in un anfiteatro naturale dove si sono esibiti musicisti del calibro di Mario Brunello, Erica Boschiero, Ginevra Di Marco e Cristina Donà.

Nel 2020 un sondaggio ha raccolto quasi 400 risposte di cittadini, per il 97% favorevoli al riuso del luogo come contenitore culturale. Anche da questi stimoli e grazie al contributo dell’Agenzia Italiana per la Gioventù, sono state sperimentate in questi anni varie iniziative, dagli spettacoli di teatro alle proiezioni di cinema, dalle osservazioni del cielo notturno ai laboratori artistici.

Il progetto. Cittadinanza attiva, ricerca scientifica e processi artistici sono gli strumenti fondamentali del progetto di valorizzazione del cimitero: il valore memoriale e affettivo che la popolazione attribuisce al sito lo rende un luogo privilegiato per un processo artistico che sviluppi il senso di identità della comunità locale e faccia diventare il camposanto un luogo sentito sempre più “proprio” dai cittadini, fruibile come spazio verde urbano a disposizione della città.

Attraverso pratiche artistiche innovative (teatro, arti visive, storytelling, cinema, illustrazioni), basate sull’ascolto profondo dei cittadini e del genius loci, verrà promosso un percorso di rigenerazione urbana che conferirà nuovo significato all’area e porrà le basi per la riqualificazione del cimitero.

Il luogo. L’ex-cimitero, cuore antico della città, si estende per quasi 10.000 mq sulla collina che è culla del passato archeologico, storico e paesaggistico del territorio. Costruito nel primo ‘800, rimane in funzione fino al 1930, quando viene dismesso. Da allora seguono decenni di vandalismo e di crescita della vegetazione spontanea, interrotti da alcuni lavori di restauro ad inizio millennio, rimasti però incompleti. Il complesso si presenta oggi come un grande prato in disuso, che versa in uno stato di pessima conservazione ma cela tuttora un centinaio di lapidi in marmo, cristalli di storia, di umanità, di arte e di poesia: una spoon river montebellunese, che merita di essere salvata. Il cimitero è un luogo privilegiato per raccogliere la comunità attorno all’idea di memoria e di identità, del rapporto tra uomo, natura e paesaggio, con l’idea di esplorare il senso di appartenenza con la prospettiva di costruire futuro.

Azione 1. Narrazione

Le memorie personali e collettive sono il punto di partenza di due azioni artistiche destinate a raccogliere le storie del luogo, per poterlo raccontare, invitare a frequentarlo e visitarlo. Un laboratorio condotto da Filippo Tognazzo (compagnia Zelda Teatro) darà vita a uno spettacolo teatrale originale dedicato al cimitero, che sarà scritto e messo in scena dai cittadini. Un laboratorio di storytelling del paesaggio verrà coordinato dalla facilitatrice Sabrina Fantini con il supporto di Giada Peterle, responsabile del Museo di Geografia di Padova, per costruire un percorso di visita del cimitero e una mappa emozionale con le storie del luogo. Le attività saranno documentate dalla regista-antropologa Maria Conte nell’ambito di un percorso di ricerca di filmic geography.

Azione 2. Gestione

Un percorso di coinvolgimento di cittadini e istituzioni è finalizzato alla definizione di un piano di gestione: sarà il pianificatore territoriale Matteo Basso, responsabile scientifico del progetto, a guidare il processo per favorire l’emersione di soluzioni concrete per la gestione dell’area. A questo scopo è prevista l’attivazione di una borsa di ricerca all’Università IUAV di Venezia e saranno proposti momenti di confronto sulle esigenze di utilizzo, approfondimenti sulle buone pratiche di riuso di ex-cimiteri e sui modelli di gestione dei beni comuni.

Azione 3. Riqualificazione e ricerca

La definizione delle linee guida per il recupero del sito è la meta di un percorso che incrocia azioni di ricerca e di progettazione: un’indagine sulla biodiversità curata dal Museo Civico di Montebelluna e dalla biologa Katia Zanatta con il supporto dell’architetta paesaggista Elena Antoniolli, collaboratrice di Fondazione Benetton, si unisce ad un percorso di educazione al paesaggio che coinvolgerà i cittadini e gli studenti del Liceo “Angela Veronese” e sarà curato dall’Università di Padova. Gli elementi raccolti saranno le basi di un workshop di progettazione architettonica coordinato dagli architetti Chiara Semenzin, Carlo e Nicola Pavan. Parallelamente, un’azione artistica partecipata proposta dalle artiste Roberta Biagiarelli e Claudia Losi sarà l’occasione per creare installazioni di arte visiva nel luogo.

Esito. Il progetto costituisce il punto di partenza di un processo di lungo periodo sull’area. Le attività previste sono inserite in un’unica e più ampia strategia trasformativa del sito che al termine del progetto produrrà un piano integrato sugli interventi di riqualificazione, le modalità di gestione e valorizzazione culturale del cimitero, la produzione di strumenti narrativi che accompagnano a conoscere e visitare il luogo e il suo patrimonio connesso all’intera città.

Durata: settembre 2023 - settembre 2024

Soggetto capofila: Associazione CombinAzioni

Responsabile scientifico: pianificatore territoriale Matteo Basso

Team multidisciplinare: Elena Antoniolli, Roberta Biagiarelli, Benedetta Castiglioni, Monica Celi, Maria Conte, Sabrina Fantini, Emanuela Gilli, Claudia Losi, Laura Omacini, Carlo Pavan, Nicola Pavan, Giada Peterle, Ermes Pozzobon, Chiara Semenzin, Filippo Tognazzo, Giorgio Vaccari, Katia Zanatta

Consulenti/Mentor: Università Iuav di Venezia, Università degli Studi di Padova (Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell'Antichità), Fondazione Benetton

Partner: Comune di Montebelluna, Fondazione Sportsystem, Liceo Veronese

Attività in programma

https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2024/02/CLL2023_social_incontri-storia_DeBortoliA11-2000x2000.jpg

Azione RICERCA

Santa Maria in Colle e i suoi dintorni. I beni comuni della storia e della memoria

Incontro con lo storico Lucio De Bortoli

Sabato 2 marzo 2024, ore 18:00, villa Binetti.

Ingresso libero, prenotazione prenotazioni@combinazionifestival.it

Attività realizzate

https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2023/11/CLL2023_social_post-lancio-20231115_03-labA2-2500x2500.jpg

Azione ASCOLTO

Storie del vecchio cimitero. Raccontaci la tua!

Per partecipare scrivici a prenotazioni@combinazionifestival.it

Venerdì 24 novembre 2023, ore 20:30, villa Binetti.

Realizziamo assieme un racconto collettivo di memorie e conoscenze, idee e prospettive sul vecchio cimitero. Partecipa a un gioco di narrazione, uno scambio di storie personali per costruire un racconto comune condividendo conoscenze e ricordi, pensieri ed emozioni, desideri e idee sul vecchio cimitero.

https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2023/11/CLL2023_social_post-lancio-2_20231124_02-eventoA-021-2500x2500.jpg

Azione RICERCA

Immemòriam. I cimiteri e le storie che li abitano

Incontro con l'autrice Giulia Depentor

Giovedì 7 dicembre 2023, ore 20:30, villa Binetti.

Visitare i campisanti, leggere le lapidi, osservare le foto dei defunti sono attività piene di sorprese e un modo per conoscere culture e popoli.

Se è vero, come dice qualcuno, che i cimiteri sono luoghi fatti dai vivi per i vivi e dove i morti in realtà c’entrano poco, è anche vero che tutte le storie, anche quelle apparentemente insignificanti, meritano di essere raccontate. E le storie, nei cimiteri, non finiscono mai.

Ingresso libero, prenotazione prenotazioni@combinazionifestival.it

https://combinazionifestival.it/wp-content/uploads/2024/02/CLL2023_social_post-ws-Giada-Peterle_ws-GiadaPeterleA1-2000x2000.jpg

Azione NARRAZIONE

Storytelling del paesaggio. Raccontare e raccontarsi attraverso i luoghi

Workshop a cura di Giada Peterle, ricercatrice in Geografia Culturale all'Università degli Studi di Padova e responsabile scientifica del Museo di Geografia

Sabato 13 gennaio 2024, ore 9:30-13:00, villa Binetti.

Un workshop dedicato allo storytelling dei luoghi, dei paesaggi e alle relazioni tra racconto e mappa.

L'incontro prevede: una parte introduttiva e teorica, generale, sulle tecniche e l'importanza dello storytelling come strumento di narrazione e relazione con i luoghi; la riflessione sui concetti di luogo e paesaggio e il loro racconto; relazione tra mappa, processi di mappatura e racconto; attività laboratoriali di sperimentazione di alcune tecniche di storytelling.

Ingresso libero, prenotazione prenotazioni@combinazionifestival.it

Newsletter

CombinAzioni Festival

Associazione CombinAzioni
Vicolo Zuccareda 5
31044 Montebelluna (TV)
info@combinazionifestival.it

CF  92047130262
P.IVA  05087560263

IBAN  IT32G0708461820000000601280